Articoli

trend 2023

La Commissione Europea accelera su green e digital, i Trend 2023, mediante la spinta su competenze, euro digitale, cybersicurezza e mobilità sostenibile

Sono due le transizioni attualmente in corso in Europa: stiamo parlando di quella digitale ed ecologica, che si confermano trend 2023 negli sforzi congiunti della Commissione Europea. Tuttavia, le azioni messe in campo per perseguire questi obiettivi devono essere calate nel contesto della situazione politico-economica internazionale.

Nel Programma di Lavoro 2023, adottato lo scorso 18 ottobre, sono elencate tutte le operazioni che l’UE prevede di realizzare nel nuovo anno. Questo documento intende informare tutti i cittadini e le istituzioni sui futuri impegni politici della Commissione. Impegni che includono nuove iniziative, il ritiro delle proposte in sospeso e il riesame delle normative in essere.

Gli obiettivi dell’Agenda 2023

In particolare, il programma si basa su alcuni obiettivi fondamentali: ottenere la neutralità climatica entro il 2050 e definire un futuro digitale, per rafforzare l’economia comunitaria e costruire un mercato prospero, rafforzando l’immagine dell’Europa nel mondo.

In totale, il programma contiene 43 nuove iniziative strategiche che coprono 6 obiettivi definiti dalla Presidente von der Leyen, e si fondano sulla lettera d’intenti del 2022. Si tratta di obiettivi ambiziosi, che intendono sia rispondere alle crisi che hanno colpito i cittadini europei, sia sostenere la transizione verde e digitale in corso.

La relazione finale della Conferenza inerente il Futuro dell’Europa ha poi sottolineato che occorre offrire soluzioni digitali accessibili, disponibili a tutti gli europei, per garantire che l’Europa diventi la forza in grado di guidare una trasformazione trasparente, sicura e più etica.

Trend 2023: Cybersecurity Skill Academy e altre iniziative

Tra le iniziative a supporto dell’Europa per l’era digitale c’è la promozione delle competenze per la cybersecurity. Per questo, nel terzo trimestre del 2023 sarà istituita l’accademia denominata Cybersecurity Skill Academy.

Infatti, in tutto il mondo le minacce alla sicurezza e il numero di violazioni sono in continuo aumento. La carenza di forza-lavoro e il divario di competenze nella cybersecurity sono i principali ostacoli allo sviluppo economico e alla sicurezza di ogni singolo Paese.

Il direttore esecutivo ENISA, Juhan Lepassaar, ha spesso ribadito a nome dell’Agenzia europea per la Cybersecurity che “la futura sicurezza del nostro mondo digitale dipenderà fortemente dalla capacità di sviluppare una forza lavoro efficiente e adeguata alla sicurezza informatica”. Attraverso il miglioramento delle competenze e la progettazione di programmi di formazione specifici, infatti, è davvero possibile affrontare il futuro digitale europeo.

trend 2023

Mobilità e lotta alla pirateria

Uno dei trend 2023 dell’Europa digitale è la mobilità, ambito in cui la digitalizzazione può operare come mezzo di rafforzamento. Per questo, sarà proposta la creazione di uno spazio comune europeo dei dati sulla mobilità, per incoraggiare lo sviluppo di soluzioni innovative.

Altre iniziative saranno dedicate alla lotta alla pirateria, più precisamente per lo streaming di eventi dal vivo, e al sostegno dell’iniziativa “Perfezionare il diritto societario digitale”. In questo modo si potrà adeguare il diritto societario dell’Unione agli sviluppi digitali, e migliorare la direttiva UE 2019/1151 sull’utilizzo di strumenti e sistemi digitali nel diritto societario (Direttiva sulla digitalizzazione).

Per un futuro digitale

In conclusione, sono numerose le azioni che la Commissione ha identificato come prioritarie nel Programma 2023. Quest’ultimo, pur essendo frutto di decisioni stabilite in un momento di grande incertezza politico-economica, è stato definito con misure e strumenti emergenziali, ma non per questo è meno ricco di contenuti.

Tra le prime azioni della Commissione dedicate ai trend 2023, infatti, ci sarà il dibattito per stabilire le priorità legislative comuni, al fine di convengere e intervenire rapidamente sia sul piano della sostenibilità ambientale, sia dal punto di vista digitale.

Sei interessato all’argomento? Contattaci.